Chapeau, Madame!

23530e12a696676eb85a029e48180438ENGLISH VERSION

Nuovo Post 🙂

Dal mio About avrete capito benissimo la mia passione per i cappelli e la loro storia, tanto da farci la tesi di laurea!

Bene, ieri ho scoperto in un momento di tranquillità, raro in questo periodo, di una mostra dedicata proprio a questi accessori!

Si tratta di“Chapeau, Madame!” ed è un’ esposizione di cappelli dal 1920 al 1950! ( OMGGGGGGGGGG!!!!!!!!!) E’ stata allestita a Torino, nella Sala Tessuti di Palazzo Madama ed è possibile visitarla dal 26 marzo 2014 al 1 marzo 2015. Chi di voi fosse interessato non si perda questa opportunità unica di rivivere, attraverso gli 80 cappellini esposti, la storia della moda italiana di quegli anni, delle modisterie torinesi in particolare e dello scambio e contaminazione di stile che avveniva continuamente tra Torino e Parigi, città in cui le donne torinesi si recavano a fare shopping portando poi nella loro città nuove tendenze! I cappelli fanno parte della collezione del Liceo Artistico Musicale Passoni e comprendono cloches anni venti, baschetti e cappellini estrosi degli anni trenta, le creazioni più modeste del periodo della guerra e le calotte decorate da piume, fiori e velette degli anni cinquanta.

Io sto già pensando ad una data utile per fare un salto. Vorrei andarci troppoooo!!!!!

E voi?

A presto!

 

 

Annunci

Fashion History: Il TUBINO NERO

ENGLISH VERSION

Buongiorno! Oggi inauguro finalmente la serie su alcuni capi e accessori che hanno fatto la storia!

Inizio con quello che è considerato il capo must-have per eccellenza, adatto ad ogni donna, ad ogni tasca e soprattutto ad ogni occasione, basta solo saper giocare bene con gli accessori. Avete capito di cosa sto parlando no? Ma del TUBINO NERO!

Il “vestirello” o scemarello” o “stupidello” (così lo chiama nel ’53 la giornalista Camilla Cederna) o ancora “la petite robe noir” ed infine “the little black dress” / LBD può essere confezionato in diversi tessuti come gabardine, cady, cheviot, jersey, tweed. E’ inoltre adatto ad ogni donna, basta avere l’accortezza di scegliere il taglio perfetto per il proprio corpo!

Ma vediamo insieme quando e come nasce e si evolve questo abito che noi tutte adoriamo.

Nel 1926 Gabrielle Chanel, per tutti COCO, in occasione del funerale del suo Continua a leggere

Muse: Anne Hathaway

  

ENGLISH VERSION

C’è chi la ama e chi la odia (sembra che sia un po’ antipatica), l’attrice statunitense, Oscar meritatissimo nel 2013 per aver interpretato Fantine in Les Miserables di Tom Hooper. Di recente hanno ritrasmesso in tv i suoi film di debutto Pretty Princess e il sequel Principe azzurro cercasi e credo, anzi sono certa che tutte noi abbiamo visto almeno 2… 3… 4… 5… insomma più volte, il film che le ha dato il successo : Il diavolo veste Prada. Ma è appunto il 2013 il suo anno top in quanto con il ruolo di Fantine conquista non solo l’Oscar ma tutti i premi possibili ed immaginabili come “Miglior attrice non protagonista”:  Golden Globe, BAFTA e Screen Actor Guild Awards.

Vediamo adesso un pò il suo stile.
Giocherellona da sempre con il look, ha dato un taglio netto (nel vero senso della parola) alla sua immagine romantica e sensuale datale dai capelli lunghi e dai suoi occhioni da cerbiatta, per lasciare spazio ad un look più sofisticato e self-confident con il suo pixie cut 😉

Godetevi questa gallery 🙂

Alloraaaaa? Che ne dite? Su Su … Aspetto i vostri commenti 😉

Influenza time!

397230_influenza-febbre-1

Eh si…in questo periodo la “nuvoletta di Fantozzi” si è presa una bella cotta per me e… Taaa daaan! Influenza sia!

Voi come state? Spero alla grande 🙂

Un salutino veloce e a prestooooooooo 🙂

And the winner is… Oscar 2014

ENGLISH VERSION

Buon inizio settimana a tutti! E’ la seconda volta che provo a scrivere questo post perchè il mio server ha ben pensato di cancellarlo dopo ben 4 ore di lavoro. Buttate al vento! Vi risparmio i nervi. Scusate l’assenza di questi giorni ma sembra che una nuvoletta di eventi si sia posizionata sopra di me e non accenni ad abbandonarmi: vedi ad esempio la cliente che ad una settimana dal compleanno, ad abito quasi interamente cucito definitivamente mi dice che “no…così non mi piace più…cambialo”. Agli ordini! Anche qui vi risparmio i nervi collaterali.

Bene dopo questa apertura al veleno, oggi vorrei parlarvi dell’evento più atteso ogni anno. Come ben sapete stanotte in quel di LA si è svolta la cerimonia dell’Academy Award, ovvero Continua a leggere