MadeinMedi part 1

 

_DSC0095_2

ENGLISH VERSION

Esattamente venerdì scorso iniziava la prima delle due serate del MadeinMedi dedicate interamente ai défilés.

Finalmente eccovi il resoconto fotografico 🙂 (Le foto sono in ordine sparso).

A sfilare, giorno 6 giugno, sono state le collezioni dei diplomati dell’Accademia Euromediterranea:

_DSC0944_2

 

_DSC1001_2

 

_DSC1006_2

 

_DSC1017_2

 

_DSC1042_2Valentino Fiammetta presenta il Fashion Film “Ekdysis”. Per vederlo basta andare nella mia pagina FB.

 

_DSC1048_2

 

_DSC1077_2

 

_DSC1090_2

 

_DSC1091_2

 

_DSC1092_2

 

_DSC1102_2

 

_DSC1096_2

 

_DSC1112_2

 

_DSC1113_2

 

_DSC1115_2

 

_DSC1129_2

 

_DSC1130_2

 

_DSC1131_2

 

Sarah Anastasi ha presentato “Inside” ispirata alla cultura indiana; Silvia Vitali, con “Spirit 26”, ha rivisitato il “nude look” con sovrapposizioni soft e materiali hi-tech; Oriana Rinaldi, con “Toxic Hole” ha fatto sfilare creazioni ispirate a Dalì e alla sua straripante visione freudiana dell’uomo; Noemi Licciardello e il suo scenario futuristico in “Undefined”, collezione “sportswear total white di stilismo non convenzionale”; Luna Cuffari e la sua ricerca di fragranza perfetta in “Balmy Breeze”; Mariangela Castronovo, tra romanticismo e stile bikers, con “Ogeretla”; Stefania Parisi e la sua collezione ispirata alle saghe fantasy, tra giochi di ruolo ed armature, con “ArmorAmor”; Cristina Nicotra con “Cinquante” ha giocato sull’opulenta patinatura delle pin up contrapposta al bon ton della quotidianità statunitense; Carlotta Cosentino e il suo unico abito “Anxiety” presentato da un fashion film ispirato alle catastrofi naturali e al buio più profondo; Valentina Plumari parte, invece, da una frase di Fulco Pratesi “ Siamo più simili ad alberi che a transistor” e manda in passerella “Tr(e)e”; Francesca Passanisi con “Tedea” ha rivisitato in chiave moderna la tragedia greca di Medea con uno stile minimal e volumi maximal; Erika Alì con “Eureka” ha ricostruito la storia di una giovane archeologa, tra fango, ruggine e i colori della terra; Annalisa Coco e “Muñecas” ispirata a Frida Kalo, Aztechi e dreamcatcher; Giulia Ferrara con “Spaceless” ha portato il cubismo, futurimo e costruttivismo russo al Teatro Greco; Valeria Rosso e “The Glade” che amalgama natura e architettura 3D e infine Ilaria Blanda con “Deep Charmer” e la rinascita di una strana stella marina Gorgone.

 

Per oggi è tutto 🙂 Domani le foto della seconda serata di moda.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...