You- The Digital Fashion Revolution

cover-you-800x599La tecnologia, si sa, ha rivoluzionato il mondo della moda. Già nella prima metà di quest’anno il Met- The Metropolitan Museum of Art aveva dedicato al tema proprio una mostra intitolata Manus Ex Machina: Fashion in an Age of Technology e io ve ne avevo parlato qui. L’intento era di espolorare la commistione tra la sapiente abilità artigianale e l’intervento delle “macchine” sulla costruzione e realizzazione dei capi.

Ma, con l’avvento del digitale, sappiamo anche che la tecnologia ha decisamente rivoluzionato il modo di comunicare, percepire e fruire la moda. Così che Grazia, magazine diretto da Silvia Grilli, e The Blond Salad, sito della famosissima Chiara Ferragni, in collaborazione con Tiffany&Co ed il patrocinio del Comune di Milano, hanno ben pensato di dar vita ad una mostra-evento interattiva che celebrasse proprio questa rivoluzione di costume.  YOU – THE DIGITAL FASHION REVOLUTION! Teatro dell’evento è il Museo della Triennale di Milano, all’interno del quale si viene trasportati agli albori della street style photography e alla conseguente nascita dei tanto discussi web influencer, fino a quello che è il vero protagonista di questa digital revolution: TU, il fruitore che interagisce attivamente sul web e non solo, perchè, proprio in quanto protagonista, sei chiamato all’azione e all’interazione anche durante la mostra attraverso workshop, percorsi interattivi, e per finire la Mirror Box, una stanza con specchi e monitor che rappresenta proprio il grande palcoscenico del web. Continua a leggere

Annunci

5 Trend autunno-inverno 2016/2017

missoni-jpg

Buongiorno a tutti 🙂 Finalmente un nuovo articolo sul blog! Lo so, lo so, non rimproveratemi. Avevo solo bisogno di una lunga pausa. Comunque eccomi qui.

Oggi è il 30 settembre e si è appena concluso il mese delle FashionWeek per scoprire le collezioni dedicate alla primavera-estate 2017. Non so se vi farò la recensione di alcune sfilate singole come faccio di solito o un’overview generale. Fatemi sapere in caso cosa preferite. Ad ogni modo prima di dare un’occhiata a quelle che saranno le tendenze della stagione calda teniamoci al calduccio in questo autunno inverno che non è iniziato nel migliore dei modi, tra pioggia e cambiamento repentino delle temperature. Quindi scopriamo cinque tendenze per l’autunno-inverno 2016/2017. Continua a leggere

La Traviata di Valentino!

182233163-063bccf6-62e5-4f54-913b-553e27ec5460

La potrei definire l’Opera dei record ma anche delle 3 V ( Valentino, Verdi, Violetta). Sto parlando de “La Traviata” capolavoro lirico di Verdi, che andrà in scena da domani 24 maggio 2016 fino al 30 giugno 2016 per un totale di 15 repliche presso il Teatro dell’Opera di Roma. La prima con un red carpet internazionale va in scena oggi 23 maggio 2016. Voi direte cosa c’è di particolare in questa versione? Tutto. Come ho detto all’inizio è una produzione da record, infatti registra l’incasso più alto della storia del Costanzi ( Teatro dell’Opera di Roma), ma vanta Continua a leggere

Chanel a Cuba

955A1057.jpg.fashionImg.hi

160 metri all’ombra degli alberi e tutto intorno un’esplosione di colori. Questo è il Paseo del Prado a L’Avana, Cuba, questa è la passerella scelta da Karl Lagerfeld per presentare il 3 maggio 2016 la collezione Chanel Cruise 2016/17. Un’orchestra ha accompagnato le voci di Lisa‑Kaindé e Naomi Diaz, le sorelle gemelle franco-cubane che in un mix di inglese e yoruba hanno aperto uno degli eventi che entreranno di diritto nella storia della moda. Continua a leggere

Met Gala 2016, il red carpet.

Claire

 

Ci siamo! E’ giunto il momento della verità… Avranno centrato il tema di quest anno le star internazionali che hanno calcato il red carpet della 45esima edizione del Met Gala 2016? La risposta è… Rullo di tamburi… NI! Io non lo capisco proprio… Agli Oscar indossano abiti fuori luogo, noiosissimi e a volte poco eleganti e al Met scelgono outfit perfetti per gli Oscar (ovviamente parlo di alcuni eh, che sia ben chiaro) Nessuno e dico nessuno ha osato indossando un’opera della stilista che a mio avviso più di tutti incarnava il Continua a leggere

Fashion exhibition around the world #2

d5e6fc8a-7552-45d2-8d9a-762e0e9f1a4a

Welcome to the second part of my fashion exhibitions list around the world! Enjoy it!

Secondo appuntamento dedicato alle mostre sulla moda che potete visitare in giro per il mondo. Prendete appunti e scoprite queste meraviglie!

 

Denim

What: Denim: Fashion’s Frontier

Where: New York– FIT/ New York- FIT/

When: until May 7/ fino al 7 Maggio 2016

About: Continua a leggere

I look del Festival di Sanremo 2016

0001

Ciaooo come state? Io vorrei ancora che fosse domenica. Ad ogni modo, entriamo subito nel vivo dell’argomento del giorno. Si è appena concluso il 66simo Festival di Sanremo che ha visto gli Stadio vincitori su più fronti. Ma il palco dell’Ariston non è solo musica ma anche moda. Argomento di critica, infatti, non sono solo le canzoni ma anche gli outfit sfoggiati da conduttori, cantanti in gara ed ospiti. Avrei voluto fare una carrellata di tutte le mise delle cinque serate del Festival ma mi sono resa conto che avreste finito di leggere questo post giusto in tempo per la 67esima edizione, e non mi è sembrato il caso. Ho quindi deciso di parlarvi solo dei look che più mi sono piaciuti seguendo sempre i miei canoni di giudizio: bellezza dell’abito, vestibilità dell’abito, total look.

Nonostante i miei sforzi sarà comunque un post un po’ lunghetto quindi mettetevi comode e mi raccomando fatemi sapere nei commenti quali sono stati i vostri preferiti. PS: Non lo sottolineo mai però a me fa piacere quando commentate e possiamo scambiare delle opinioni. Credo fortemente che questo sia il senso di avere un blog, dialogare virtualmente, confrontarsi con chi legge dall’altro lato dello schermo. Altrimenti resta tutto asettico e non ha molto senso. Quindi non siate timidi e sentitevi liberi di lasciare un commentino, o due, tre. 😉

Come già annunciato sulla mia pagina Facebook in queste cinque serate 15 i cambi d’abito per Madalina Ghenea firmati Alberta Ferretti, Vionnet e Zuhair Murad. Virginia Raffaele ha indossato ogni sera, tranne l’ultima, i panni di un personaggio diverso. Per Gabriel Garko abiti della sartoria Battistoni ispirati ai divi del cinema da Mastroianni a 007. Fedelissimo a Ferragamo Carlo Conti in completi taglio smoking in lana, mohair e seta e tre opzioni di colore per le camicie.

Iniziamo proprio dal padrone di casa Carlo Conti.

Io l’ho trovato impeccabile tutte le sere ad essere sincera. Ma se proprio devo scegliere sicuramente è un 10 pieno ai look della serata d’apertua e della finale.

conti

Procediamo con i co-conduttori.

Gabriel Garko si è presentato sul palco sempre molto curato nei minimi dettagli. Ho un solo appunto: ma tutto quel gel sui capelli era davvero necessario? Molti ne hanno criticato le scelte di stile, ma sul versante outfit devo dire che io non ho disdegnato. Per cui per il motivo di cui sopra gli do un 7.5 generale e questo è il look che ho preferito.

gabriel

Madalina Ghenea ha sfoggiato alcuni abiti meravigliosi degni della serata degli Oscar. Altri invece, nonostante la sua bellezza e nonostante gli abiti fossero di per se belli non hanno creato quella magia, l’effetto wow una volta indossati. E poi anche in questo caso tirerei un po’ le orecchie ai parrucchieri: in alcune occasioni la modella/attrice rumena sembrava “pinnata”, come diremmo noi in Sicilia. Traduco? Letteralmente vuol dire spennata!  In generale il mio voto è comunque 9. Questi e quelli nella foto d’apertura sono gli outfit migliori.

cr

Passiamo adesso alla star di questa edizione. L’ho adorata fin da quando faceva Victor Victoria con Victoria Cabello e sono contentissima del successo meritatissimo che sta avendo. E’ un’artista ed una donna stupenda! Parlo di Virginia Raffaele! Ha co-condotto il Festival ora nei panni della Ferilli, ora della Fracci, della Versace e della Rodriguez, e poi l’ultima sera è stata se stessa Virginia Raffaele. Le do 10 e lode perchè mi è piaciuta molto la scelta stilistica per l’ultima sera in cui ha indossato tre abiti con quel quid in più firmati Marco De Vincenzo.

Untitled designjuj

Per la categoria cantanti

Untitled designkhk

Noemi vince su tutti! Sexy ma non volgare. Il look migliore è quello della prima serata. Un long dress nero dall’allure anni ’70, con audacissima scollatura davanti sottolineata da una cintura in pelle in vita. Tutti i look erano firmati Bianca Gervasio. Voto: 9

Altro bellissimo total look quello di Annalisa. Anche in questo caso long dress nero ma dalle spalle importanti. Lo stilista è Mario Dice. Voto: 8

Per quanto riguarda gli uomini lascerò a voi il giudizio perchè proprio mi mancano le parole. Mi riferisco solo ad alcuni ovviamente. Altri mi sono piaciuti, ma nulla di eclatante.

Concludo con gli ospiti ed i super ospiti

Untitled designloll

Ragazzi sarò di parte ma sono una pausiniana e quindi non posso che eloggiare questa splendida artista che ha saputo conquistare il modo con la sua musica: Laura Pausini! Emozionante tutta la performance perchè era lei stessa super emozionata. Per ciò che riguarda il look, ho trovato un pò pesante la giacca creata da Stefano De Lellis da indossare su un long dress svolazzante e bicolor black&pink 🙂 L’abito le stava benissimo. Voto: 8 Però Lauriii ho un messaggio per te: voglio farti un vestito io! :* 😉

Bellissime e curate nei dettagli Kasia Smutkiak e Anna Foglietta. La prima in Prada, la seconda in Costume National, hanno portato l’eleganza e la sensualità in due modi diversi ma efficaci. Kasia: 8 / Anna: 9

La perfezione l’ha raggiunta Nicole Kidman che nella seconda serata ha sceso le scale dell’Ariston in un lunghissimo abito nero assoluto con tanto di strascico e profonda scollatura posteriore firmato Giorgio Armani. Che dire, è l’esempio perfetto che less is more. Voto: 10

Piccolissima digressione sui look che ho reputato ASSOLUTAMENTE NO!

In questa categoria rientrano di diritto Arisa, che si era appena alzata dal letto dell’hotel e giusto per fare un favore alla sua casa discografica è salita sul palco, Deborah Iurato con l’ormai ribattezzato abito a melanzana e per finire Patty Pravo con alcune scelte a dir poco discutibili, e lo so che lei è Patty Pravo, però a volte davvero, “less is more”!

Untitled designfa

Bene, ora ho davvero concluso. Vi auguro una buona serata.

Baci

Sonia