Giorgio Armani: la nuova collezione e la biografia.

GA01

ENGLISH VERSION ( http://goo.gl/zKO9Y7 )

In questi giorni ho voluto commentare le sfilate milanesi sulla mia pagina Facebook ( Life of an emerging Fashion Designer – Sonia Castelli couture) ma l’argomento in oggetto meritava un post a parte qui sul blog. Quindi innanzitutto buona settimana a tutti! 🙂 Detto ciò mettetevi comodi e godetevi la lettura. 🙂

A chiudere la Fashion Week milanese ci ha pensato Giorgio Armani, che ha presentato ieri la collezione S/S 2016 della sua prima linea al Teatro Armani, scenografato per l’occasione con una passerella bianca al centro della quale campeggiano fiori e foglie stilizzati.

GA02

GA03

GA04

 

Protagonista indiscusso di questa collezione è sicuramente il corpo, esaltato da nuovi volumi, inedite lunghezze e giochi di velature. Una moda che si adatta alle esigenze delle donne che chiedono leggerezza e vogliono essere sempre belle e sexy, come ha dichiarato lo stilista alla stampa commentando la sua collezione. Il fil rouge… E’ il rouge, ma declinato nelle tonalità rubino, già amate nella recente collezione Privé. Lo stilista azzarda una femminilità sensuale e grintosa senza però perdere la compostezza e la raffinatezza che caratterizzano da sempre il brand. Oltre al rosso che si insinua tra i capi e si mescola con il blu, il nero, il crema ed il grigio perla, altro punto di forza è un tessuto inusuale per lo stilista: l’organza. Utilizzata in maniera inaspettata, crea giochi di sovrapposizioni ed effetti impalpabili. Pezzi immancabili sono i pantaloni fluidi e le giacche estremamente morbide, ai quali si accostano bolerini ricamati, tute che scoprono le gambe, gonne e abiti trasparenti indossati sopra calzoncini millerighe anch’essi in organza per spettacolari giochi di see-through che per la sera si illuminano di ricami. A completare il tutto sul fronte accessori, zeppe, cappelli a falda larga e ondulata e borse coordinate ai capi.

GA05

GA06

GA06

Archiviata la sfilata, in una conferenza patrocinata dalla giornalista di moda Suzy Menkes, lo stilista ha presentato la sua autobiografia dal titolo quanto mai più semplice: “Giorgio Armani” (Ed. Rizzoli New York).

GiorgioArmani

“Ci ho messo una vita intera a scrivere questo libro. È stato duro e bellissimo.” spiega Armani mentre alle sue spalle campeggia la proiezione della copertina del libro che lo ritrae bambino con i suoi occhioni blu che spiccano nella foto in bianco e nero. All’interno del volume sono contenuti scatti inediti, foto di abiti iconici, ispirazioni, memorie. Un viaggio che ripercorre non solo la sua carriera nella moda, arrivata quest anno a ben 40 anni, ma che tocca anche il privato, i suoi ricordi d’infanzia ed adolescenza.

Insomma non vedo l’ora di avere tra le mani questo gioiellino!

Vorrei concludere con una frase di Giorgio Armani in risposta alla domanda di Lapo Elkann al tipo di messaggio che lo stilista vuole lasciare alla moda. In questa risposta è racchiuso il motivo per cui io fin da bambina sogno ardentemente di poter fare LA MODA, e di realizzare un sogno.

 -“L’eredità che voglio lasciare è far capire che questo è un mestiere bellissimo”.- Cit. Giorgio Armani.

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Milan Fashion Week SS2015

00010h_20140917193035

 

ENGLISH VERSION

Ciaooo 🙂 Oggi sbirciamo un pò tra le sfilate di Milano per capire i trend proposti dagli stilisti per la prossima primavera estate 2015.

Come al solito ne ho scelti alcuni ma se volete segnalarmi qualcosa che vi ha colpito non vedo l’ora di condividerla con voi e scambiare le nostre opinioni. Quindi fatevi pure avanti 🙂

 

 

Alberta Ferretti

La prima collezione è quella di Alberta Ferretti. Colori tenui, dai nude al glicine, abiti portabili e tessuti Continua a leggere

Milan Fashion Week #3

ENGLISH VERSION

Buongiorno 🙂 Continuiamo con le nuove collezioni proposte in passerella alla MFW per il prossimo A/I.

Oggi vi parlo di Ermanno Scervino.

Ermanno Scervino

La prima cosa che salta all’occhio fin dalla prima uscita è la sensualità delle linee proposte. Un’esaltazione della femminilità che però non dimentica il comfort. Nessun abito strizzato, ma abiti che sembrano sottovesti arricchite da ricami in pizzo, gonne e pull che fungono quasi da coccola, come piace dire a me. Morbida e carezzevole anche la palette cromatica che Continua a leggere

Milan Fashion Week #2

ENGLISH VERSION

Ciao! Approfitto della domenica per dedicarmi un po’ al blog, in quanto in questi giorni sono totalmente sott’acqua con il lavoro… Non mi lameno, anzi… 🙂 Però vorrei poter scrivere di più. Passiamo al dunque… MFW… quali collezioni mi son piaciute di più? Ormai bene o male avrete capito le mie preferenze.

In questo post vorrei parlarvi della collezione A/I 2014-2015 presentata da Luisa Beccaria.

Luisa Beccaria

Inizio subito dicendo che adoro letteralmente lo stile riconoscibilissimo di questa stilista, che crea look sempre molto raffinati, elegantissimi e romantici. E’ come se ogni suo abito fosse avvolto in una nuvola che non lo rende mai netto e definito ma sempre un sogno. Ecco questa è la sensazione che ho sempre provato aggirandomi per i vicoli di Brera, dove si trova l’atelier, trovandomi appunto di fronte alle sue vetrine incorniciate di bianco.

Ma veniamo alla sfilata vera e propria. Iniziamo dalla palette cromatica dai toni polverosi, cipriati che accarezza i toni del grigio, l’avorio, il glicine, l’oro ma anche il nero, il blu e il rosso. La designer milanese veste delle vere e proprie lady con un twist più moderno dato dai tagli sartoriali impeccabili, che con mio immenso piacere quest anno si sono imposti in generale sulle passerelle surclassando orpelli e fronzoli d’eccesso. Così sfilano abitini da giorno dal mood anni ’50, cappottini dai profili ricamati e luminosi, minidress da cocktail molto chic, tra i quali spicca come mio preferito, quello in seta mikado con stampa floreale dalla scollatura a cuore stretto in vita e ampio nella parte inferiore.  Tagli e volumi principeschi o sensuali e a sirena, pieghe e balze, per gli abiti da sera. Un risultato a mio avviso perfetto.